Ahmad Al Khatib


Ahmad Al Khatib è conosciuto ed apprezzato in Medio Oriente come uno dei più validi eredi dei grandi suonatori di oud e si resta colpiti dalla sua modestia piena di dignità.
Grande ammiratore del potere della poesia cerca, con la musica, di ricreare le stesse gravi ed eleganti emozioni dense di significato.
Nato nel 1974, in un campo profughi palestinese in Giordania, Al Khatib impara l'Oud fin dall'infanzia. Studia musicologia e violoncello alla Al-Yarmouk University (Giordania), dove si diploma con lode nel 1997. Si stabilisce a Ramallah (Palestina) dove insegna al Conservatorio Nazionale di Musica di Gerusalemme Est e presso il Dipartimento di Musica orientale. Nel 1999, fonda Karloma, un ensemble di musica che riunisce gli insegnanti dal Conservatorio, tra i quali Youssef Hbeisch.
Nell'aprile 2002, durante l'assedio e il coprifuoco imposto a numerose località palestinesi da parte dell'esercito israeliano, Al Khatib si dedica attivamente alla composizione. Lo stesso anno è costretto a lasciare la Palestina e dal 2004, risiede stabilmente in Svezia, dove ha ottenuto un Master in Etnomusicologia e Metodologia dell'Educazione Musicale.
Nel 2004 esce anche il suo primo cd che contiene sue composizioni ma anche un tributo a Jamil e Munir Bashir.
Intensa l’attività didattica (attualmente insegna teoria della musica modale e composizione all’Università di Gothenborg) alla quale affianca un altrettanto fitta attività di concerti e collaborazioni, tra le quali: “Yarmouk Oriental Quartet” (Giordania), “Oriental Music Ensemble” (Palestina), “Salam(i)” e il “Samara Trio” (Svezia).
Ahmad Al Khatib ha portando l’oud alla ribalta delle manifestazioni più importanti sia in medio oriente che in ambito europeo per giungere sino agli Stati Uniti dove ha suonato al “John F. Kennedy Center for the Performing Arts”.

Utilizza DYN-UNI-P48 - YELLOW SINGLE